I bianconeri iniziano l’anno nuovo così come l’avevano chiuso, con una vittoria contro il Picciola di Villecco. Stavolta la vittoria vale per la qualificazione in finale ma c’è da giocare il ritorno con i nolani forti del 2-0 acquisito grazie alle reti (una per tempo) di Scielzo e Vaccaro.

NOLA – Così come s’era concluso il 2017 comincia anche l’anno nuovo per il Nola calcio che nell’andata della semifinale di Coppa Italia Dilettanti regola allo Sporting Club la compagine in casacca rossa guidata da Alfonso Villecco. Un Picciola incapace di reagire dopo il gol messo a segno al quarto d’ora di gioco da Pasquale Scielzo, attaccante esterno arrivato in bianconero da circa un mese dall’Afragolese. E’ il secondo acquisto di questa sessione di Dicembre dopo Mimmo Olivieri a mettersi in evidenza. E d’altronde questo è il compito per il quale il Nola lo aveva scelto. Fare gol, quello che è mancato al Nola soprattutto nella prima parte di stagione. Come detto in apertura il Picciola per la seconda volta si ritrova a doversi leccare le ferite sotto i colpi di un Nola ben congegnato da Stefano Liquidato. L’unica nota stonata di una giornata climaticamente grigia è stata la poca affluenza di pubblico sugli spalti. L’assenza del tifo organizzato col passare del tempo si fa sentire soprattutto in questo momento così importante la squadra e la società meriterebbero la vicinanza dei sostenitori bianconeri. Il Nola è ad un passo dalla finale, un traguardo certamente da nessuno pronosticato ad inizio stagione. La società per andare avanti ha bisogno che la città  ritrovi la passione di un tempo intorno a questa squadra che sta cercando di onorare la maglia di una città gloriosa. Tornando all’incontro, il Nola sbloccato il match con Scielzo bravo subito a colpire sul secondo palo ha creato tante altre palle da gol ma non sfruttate, prima con Zaccaro e poi con Sacco. In avvio di ripresa però è arrivato anche il raddoppio, subito dopo soli 3 giri di lancette con Vaccaro che ha finalizzato un ottimo scambio che gli ha permesso di presentarsi davanti ad Amabile e batterlo con freddezza. Dal raddoppio in poi è stato un monologo bianconero con qualche sporadico tentativo nel finale dei salernitani con Barbarisi bloccato da Avino. Tra 15 giorni, precisamente il 17 Gennaio il Nola a Pontecagnano partirà con i favori del pronostico e avrà il vantaggio di due reti da difendere nei 90’ che la sperano dalla finale contro la vincente di Savoia-Real Forio.

 

NOLA – PICCIOLA 2-0 (1-0)

[Nola (NA), 03-01-2018 | “S. Club” | ore 14,30 | Andata Semifinale Coppa Italia Dilettanti]

NOLA: Avino, Gioventù (99), Falivene (00), Olivieri, Schioppa, Lenci, Colonna (98) (Tagliamonte 99), Vaccaro (3’ s.t. D’Abronzo), Zaccaro (23’ s.t. Improta), Scielzo (32’ s.t. Mocerino), Sacco (Cossentino 98).

A disposizione: Vacchiano (01), Thiam (00).

Allenatore: Liquidato.

PICCIOLA: Amabile, Avagliano (6’ s.t. De Matteis), Anzalone (00), Sabatino (3’ s.t. Salese), Di Giacomo, Trezza, Barbarisi, Camera (25’ s.t. Zottoli), De Maio (99) (27’ s.t. Delle Serre 98), Mercogliano (98) (17’ s.t. Castaldi 00), Carfagno.

A disposizione: Mazzariello (99), Barra (99).

Allenatore: Villecco.

Arbitro: Gerardo Garofalo (Torre del Greco)

Assistenti: Giovanni Di Meglio (Napoli) – Romualdo Piedipalumbo (Torre Annunziata)

RETI: 15’ p.t. Scielzo, 3’ s.t. Vaccaro

Ammoniti: Lenci (N), Scielzo (N), Anzalone (P), Barbarisi (P), Camera (P).

NOTE: giornata uggiosa, temperature basse, campo in perfette condizioni. Spettatori oltre 200, tribuna ospite deserta.